Vale la gita - Merita una deviazione - Interessante - Segnalata

Chiesa di San Giorgio - Valperga (TO)


LOGISTICA

  Come arrivare: in Via Alessandro Volta.

Icona Google Earth Percorso GPS (File KMZ Goolge Hearth): Valperga-SanGiorgio.kmz

Icona Segnaposto Google Earth Segnaposto Earth: Valperga-SanGiorgio.kmz

  Nord: 45.371266:   Est: 7.653947

  Itinerario 'Canavese 1' - 15ª visita

  Altre Chiese nei Dintorni

  Note logistiche: chiavi presso il parroco.


DESCRIZIONE

  Da vedere: architettura; pittura; campanile;

  Periodo prevalente: 14º secolo.

  Notizie generali: tardo gotica

  Esterno: fianco destro ornato di monofore con fregi in cotto, pinnacoli e tracce di affreschi del '400; in facciata San Giorgio che uccide il drago.

  Interno: affreschi del '400 di varie mani tra cui Miracoli di San Michele sulla parete destra della navata centrale e altri nella sagrestia. Nel presbiterio Passione di Cristo databile secondo alcuni intorno al 1462 o secondo altri anteriore. Le volte delle campate laterali hanno affreschi di gusto lombardo tra cui: i quattro Dottori della Chiesa; Storie dell'infanzia di Cristo; Adorazione dei Magi, Fuga in Egitto e Circoncisione. Sulla parete destra, databile a prima del 1471, Madonna in Trono con Gesù e i Santi Bartolomeo e Bernardo e i donatori (identificati in Giorgio Valperga e Margherita da Mentone e le quattro figlie).

  Campanile: romanico del 1000.

Foto

APPROFONDIMENTI


  Sitografia:

•  https://www.amicisangiorgiovalperga.it/  - Verificato il 26/07/2021

•  https://www.comune.valperga.to.it/it-it/vivere-il-comune/cosa-vedere/chiesa-di-san-giorgio-1783-1-698fde565222f19f1196b0371744f5cb  - Verificato il 26/07/2021

  Descritta:

Copertina  a pagina 460 della 'Guida Rossa del Piemonte' del TCI Edizione 1976;

Copertina  a pagina 7234 di 'Il Piemonte paese per paese' Ed. Bonechi.

  Aggiornamento del non rilevata sul campo, censita in base alla bibliografia.

370

Il Progetto Chiese Romaniche e Gotiche del Piemonte
il sito chieseromaniche.it
sono patrocinati e sostenuti dalla Fondazione ISPER "Carlo Actis Grosso"