Vale la gita - Merita una deviazione - Interessante - Segnalata

Parrocchiale di San Dalmazzo - Borgo San Dalmazzo (CN)


LOGISTICA

  Come arrivare: in Piazza XI Febbraio.

Icona Google Earth Percorso GPS (File KMZ Goolge Hearth): BorgoSanDalmazzo-SanDalmazzo.kmz

Icona Segnaposto Google Earth Segnaposto Earth: BorgoSanDalmazzo-SanDalmazzo.kmz

  Nord: 44.329829:   Est: 7.489388

  Itinerario 'Da Borgo San Dalmazzo lungo la Stura di Demonte' - 2ª visita

  Altre Chiese nei Dintorni


DESCRIZIONE

  Da vedere: architettura; cripta;

  Periodo prevalente: 10º secolo.

  Notizie generali: costruita sulle vestigia dell'antica abbazia di Pedona ha una facciata seicentesca restaurata negli anni '80, eliminando gli affreschi ormai divenuti illeggibili e mettendo a vista le pietre e le lesene di mattoni corrispondenti alla costruzione romanica; la parte superiore è stata lasciata così come era pervenuta. L'interno è tipicamente barocco. All'interno è conservata una interessante acquasantiera del XV secolo in pietra recante l'iscrizione "Aimericus Eps Monacis S. Dalmatii"., riferita ad Almerico Segaudi vescovo di Mondovì nel XV secolo e primo abate commendatario della soppressa abbazia di Pedona.

  Cripta: l'ingresso è collocato sul lato sinistro della chiesa; presenta una struttura sorretta da esili colonnine di materiale misto recuperato in parte da precedenti costruzioni; gli archi sono stati rimaneggiati. Alle pareti, appoggiate, frammenti di epigrafi e decorazioni altomedioevali. In locali attigui alla cripta tracce di affreschi.

Foto

APPROFONDIMENTI


  Sitografia:

•  http://archeocarta.org/borgo-san-dalmazzo-cn-parrocchia-di-san-dalmazzo-di-pedona/  - Verificato il 24/07/2021

  Descritta:

Copertina  a pagina 299 della 'Guida Rossa del Piemonte' del TCI Edizione 1976;

Copertina  a pagina 1242 di 'Il Piemonte paese per paese' Ed. Bonechi.

  Aggiornamento del non rilevata sul campo, censita in base alla bibliografia.

542

Il Progetto Chiese Romaniche e Gotiche del Piemonte
il sito chieseromaniche.it
sono patrocinati e sostenuti dalla Fondazione ISPER "Carlo Actis Grosso"