… ed ecco il significato di …

ABSIDE

Dal greco "cerchio", "arco": incavo semicircolare, poligonale o lobato, ricoperto da una semi cupola, nel muro perimetrale di un edificio, in particolare di una chiesa. Nelle basiliche romane costituiva la parte terminale dell'edificio e conteneva l'ampia tribuna in cui sedevano i magistrati; nelle chiese cristiane assume funzione diversa secondo l'età e la finalità della costruzione, ma in genere costituisce la parte terminale della navata centrale, dietro l'altare, e contiene il coro; il soffitto semisferico interno che corrisponde alla semi cupola è detto conca o catino. In talune chiese si possono trovare più absidi delle stesse dimensioni: due contrapposte, come in alcune chiese romaniche tedesche, e si parla allora di doppia abside, o tre, come in altre chiese romaniche, e si parla di abside triconca. Nello stesso perimetro dell'abside si trovano talvolta, specie nell'architettura di tipo cluniacense e gotico, absidi più piccole, poco più che nicchie, dette appunto absidiole.

Immagine

Oleggio - San Michele

Il Progetto Chiese Romaniche e Gotiche del Piemonte
il sito chieseromaniche.it
sono patrocinati e sostenuti dalla Fondazione ISPER "Carlo Actis Grosso"