… ed ecco MADONNA DEL CARMINE O NOSTRA SIGNORA DEL MONTE CARMELO…

Storia

Nostra Signora del Monte Carmelo (o anche del Carmine, dal corrispondente in catalano Verge del Carme, o dal spagnolo Virgen del Carmen) è uno dei titoli sotto cui viene invocata Maria, madre di Gesù.
Nella tradizione cattolica e carmelitana in particolare, infatti, la Signora del monte Carmelo rappresenta il "fiore più bello del giardino di Dio", la Vergine purissima che possiede la bellezza di tutte le virtù, il perfetto modello di ogni vita contemplativa e in particolare la premurosa madre, sorella e patrona dei religiosi carmelitani e di tutti i fedeli che si impegnano a "salire il monte del Signore per stare nel suo luogo santo" sotto il segno dello Scapolare, foriero delle speciali promesse di salvezza eterna attribuite dalla tradizione alla stessa Vergine e simbolo di consacrazione a Lei.
Con questo titolo, la Vergine è dunque invocata come madre e decoro del Carmelo (da cui ebbe origine e fu promosso il culto) e di coloro che attraverso lo Scapolare ne vivono la spiritualità, sui quali - come la piccola nube apparsa ad Elia – riversa il torrente delle sue grazie e della sua protezione, nonché come "speciale conforto delle anime Purganti", in relazione alle promesse legate allo stesso Scapolare.

Attributi e Iconografia

è rappresentata con il Bambino Gesù in braccio, spesso con abito e scapolare bruni e mantello bianco, nell'atto di mostrare lo scapolare carmelitano. All'immagine di Maria sono spesso associate quelle dei santi dell'ordine o di anime purganti tra le fiamme.
L'iconografia più antica, invece, rappresentava la Vergine mentre, aprendo le sue braccia, accoglie i suoi devoti sotto il suo grande manto, che è sostenuto dai profeti Elia ed Eliseo, considerati dai Carmelitani come i loro fondatori.

Calendario

16 Luglio.

Fonti

Wikipedia

Il Progetto Chiese Romaniche e Gotiche del Piemonte
il sito chieseromaniche.it
sono patrocinati e sostenuti dalla Fondazione ISPER "Carlo Actis Grosso"

Logo Fondazione ISPER