CHIESA di SANTA MARIA DI CAMPAGNA - GARBAGNA NOVARESE (NO)


LOGISTICA

  Come arrivare: a nord-est dell'abitato.

  Itinerario 'Da Novara verso il Sesia' - 11ª visita

  Altre Chiese nei Dintorni


DESCRIZIONE

  Da vedere: architettura; pittura;

  Periodo prevalente: 15º secolo.

  Notizie generali: chiesa romanica alterata.

  Esterno: abside romanica a tre archetti pensili tra lesene; muratura in mattoni alternati da liste a lisca di pesce di frammenrti di tegole di spoglio,.

  Interno: ad aula rettangolare. Nell'abside affreschi dell'inizio del '400: pietà al centro affiancata da Madonna col Bambino e da una piccola immagine di Sant'Elena. il secondo ciclo di affreschi vede i committenti, i Della Porta, signori di Garbagna, raffigurati spesso con i nomi. Questo ciclo è opera di Tomaso cagnola (morto nel 1509) come si evince da un dipinto firmato e datato 1491: la Madonna in Trono; in questo affresco la Vergine incoronata ha in braccio il Bambino benedicente, si trova fra due angeli musicanti e ha di fronte l'offerente inginocchiato, presentato alla Madonna da un Santo. Altri affreschi coevi della scuola del cagnola completano l'abside: San Bovo e san Bernardinoi da una parte, Pier Lombardo e San Nicola da Tolentino dall'altra. Lungo la parete di sinistra Santi e Madonne con Bambino, una delle quali è venerata da un committente ancora fabciullo. Interessante il riquadro, forse del cagnola stesso, con il miracolo di Sant'Eustachio-Uberto nella cui scena di caccia appare il ccervo recante il crocifisso: l'antica storia di sant'Eustachio è filtrata attraverso la leggenda cavalleresca di Uberto.

Foto

APPROFONDIMENTI

  Descritta:

Copertina  a pagina 571 della 'Guida Rossa del Piemonte' del TCI Edizione 1976;

Copertina  a pagina 3256 di 'Il Piemonte paese per paese' Ed. Bonechi.

  Aggiornamento del non rilevata sul campo, censita in base alla bibliografia.

561