Vale la gita - Merita una deviazione - Interessante - Segnalata

CATTEDRALE di SAN GIUSTO - SUSA (TO)


LOGISTICA

  Come arrivare: in Piazza Savoia.

Icona Google Earth Percorso GPS (File KMZ Goolge Hearth): Susa_San_Giusto.kmz

Icona Segnaposto Google Earth Segnaposto Earth: Susa-San-Giusto.kmz

  Nord: 45.137109:   Est: 7.044713

  Itinerario 'Val Susa' - 15ª visita

  Altre Chiese nei Dintorni

  Note logistiche: il trittico di Bonifacio Rotario è visibile solo il 5 agosto, in occasione della festività della Madonna della neve.


DESCRIZIONE

  Da vedere: architettura; pittura; campanile; cripta;

  Periodo prevalente: 12º secolo.

  Notizie generali: innalzata da Olderico Manfredi , marchese di Susa, come monastero tra il 1012 e il 1029, i stile greco bizantino, venne poi alterata con elementi gotici dopo il crollo parziale del 1321 e nuovamente manomessa nel '500 e nel '700.

  Esterno: la facciata, appoggiata alle mura romane e a Porta Savoia si presenta con una cornice di coronamento ad archetti e pinnacoli e con un portale, un tempo murato perché dava fuori le mura. Sul fianco destro si aprono due portali di cui quello dietro il campanile (A), ad arco carenato è sormontato da un affresco del '400 raffigurante l'Ingresso di Gesù in Gerusalemme. L'abside è gotica, l'alzata della navata mediana è coronata da archetti intrecciati e sormontata da un campaniletto e da due pinnacoli.

  Interno: a croce latina, asimmetrico, a tre navate, con pilastri che reggono archi ciechi; nelle navate laterali le colte sono a tutto sesto mentre quella centrale è gotica. Nel transetto destro cappella delle Reliquie (B) con trittico della Madonna col Bambino, i Santi Ugo di Lincoln e Ugo di Grenoble attribuito a Ambrogio da Fossano, detto il Bergognone (Circa 1455-dopo 1522). Alla navata di destra su basamento in marmo verde statua lignea di donna in preghiera della prima metà del '500. In fondo alla navata, all'altare della cappella della Madonna del Rocciamelone (C) il trittico di Bonifacio Rotario raffigurante San Giorgio, la Madonna col Bambino, Rotario e San Giovanni Battista, lavoro fiammingo in bronzo del 1358. Nell'abside (D) coro ligneo del '300 proveniente dalla chiesa di S. Maria maggiore adorno di un fregio di archetti quadrilobi contenenti alternativamente un fiore e un animale. Nella sala capitolare (F), cui si accede tramite la sagrestia (E), tesoro tra cui busto di Cristo del '300, croce d'argento del '400, altare abbaziale del '200 attribuito a Pietro da Leone, due battenti di bronzo del '200, già sulla porta del lato sud, raffiguranti una testa di lupo e di toro. In fondo alla navata di destra si accede all'antico battistero, antecedente alla cattedrale, forse del IX-X secolo, con volta a crociera costolonata trecentesca che nasconde parti della cupola originaria e vasca battesimale del '300 in un sol blocco di marmo verde di foresto.

  Campanile: romanico, su un alto zoccolo (all'interno tracce di affreschi romanici con figure umane e zoomorfe), a sei paini con monofore, bifore, trifore e quadrifore. La balaustrata in cotto, la cuspide ottagonale e i quatto pinnacoli sono posteriori al 1481.

SUSA - CATTEDRALE DI SAN GIUSTO-Campanile SUSA - CATTEDRALE DI SAN GIUSTO-Pianta
SUSA - CATTEDRALE DI  SAN GIUSTO-Campanile
Campanile
SUSA - CATTEDRALE DI  SAN GIUSTO-Pianta
Pianta
Diventa Autore anche tu! Hai foto di questa chiesa? Inviacele!
Inviaci Altre Foto

APPROFONDIMENTI

  Descritta:

Copertina  a pagina 397 della 'Guida Rossa del Piemonte' del TCI Edizione 1976;

Copertina  a pagina 7130 di 'Il Piemonte paese per paese' Ed. Bonechi.

  Bibliografia:

Copertina La Cattedrale di San Giusto e le chiese romaniche della Diocesi Susa
Copertina Repertorio delle cose d'arte del Piemonte: le pitture romaniche Vol. I
Copertina Escursioni in Valle di Susa - Bassa valle e Val Cenischia

  Referenze fotografiche:

• Campanile  - Ing. Marco Actis Grosso 2014

• Pianta  -

  Aggiornamento del 20/01/2014

308

Il Progetto Chiese Romaniche e Gotiche del Piemonte
il sito chieseromaniche.it
sono patrocinati e sostenuti dalla Fondazione ISPER "Carlo Actis Grosso"