Vale la gita - Merita una deviazione - Interessante - Segnalata

Santuario della Natività di Maria - Vicoforte (CN)


LOGISTICA

  Come arrivare: in Piazza Carlo Emanuele I

Icona Google Earth Percorso GPS (File KMZ Goolge Hearth): Vicoforte-NativitadiMaria.kmz

Icona Segnaposto Google Earth Segnaposto Earth: Vicoforte-NativitadiMaria.kmz

  Nord: 44.363476:   Est: 7.863127

  Itinerario 'Dalla Val Casotto a Vicoforte' - 6ª visita

  Altre Chiese nei Dintorni


DESCRIZIONE

  Da vedere: pittura;

  Periodo prevalente: 15º secolo.

  Notizie generali: Il complesso trae le sue origini da un santuario medievale, composto da un modesto pilone decorato da un affresco quattrocentesco raffigurante la Madonna col Bambino, eretto da un fornaciaio per propiziare la buona cottura dei mattoni. Nel 1592, durante una battuta di caccia, un cacciatore di nome Giulio Sargiano colpì per sbaglio l'immagine della Vergine che, secondo la tradizione, sanguinò[2]. Il cacciatore pentito appese il suo archibugio al pilone e iniziò una grande raccolta di fondi per riparare il danno ed espiare così il suo peccato. L'archibugio è conservato all'interno del Santuario, nelle nuove sale destinate a museo. (Fonte Wikipedia).

  Interno: Madonna col Bambino, forese opera di Segurano Cigna, pittore monregalese.

Vicoforte - SANTUARIO DELLA NATIVITÀ DI MARIA- Vicoforte - SANTUARIO DELLA NATIVITÀ DI MARIA-Affresco della Madonna col Bambino
Vicoforte - SANTUARIO DELLA  NATIVITÀ DI MARIA-
Vicoforte - SANTUARIO DELLA  NATIVITÀ DI MARIA-Affresco della Madonna col Bambino
Affresco della Madonna col Bambino
Diventa Autore anche tu! Hai foto di questa chiesa? Inviacele!
Inviaci Altre Foto

APPROFONDIMENTI


  Sitografia:

•  https://www.santuariodivicoforte.it  - Verificato il 18/09/2021

  Descritta:

.

  Referenze fotografiche:

 - Anna Manavella - 2021

• Affresco della Madonna col Bambino  - Anna Manavella - 2021

  Aggiornamento del 19/09/2021

1590

Il Progetto Chiese Romaniche e Gotiche del Piemonte
il sito chieseromaniche.it
sono patrocinati e sostenuti dalla Fondazione ISPER "Carlo Actis Grosso"